Le accuse a Cristiano Ronaldo: i leoni da tastiera a caccia di follower

Su questo sito ci piacerebbe trattare solo temi calcistici ma negli ultimi giorni abbiamo letto e sentito troppe voci fuoriluogo sulle accuse di presunto stupro rivolte contro Cristiano Ronaldo.

Nei giorni scorsi il settimanale tedesco Spiegel ha riportato le parole di Kathryn Mayorga, che accusa CR7 di averla stuprata nel 2009. Sembra che la modella abbia in passato accettato un accordo per chiudere la vicenda ma che adesso abbia intenzione di far riaprire il procedimento contro Cristiano Ronaldo.

Chiariamo subito un punto, le uniche due persone che conoscono la verità dei fatti sono Cristiano Ronaldo e Kathryn Mayorga, chiunque altro assurga a giudice, senza averne ruolo, è solo un diffamatore dell’una o dell’altra parte.

Il crimine di stupro è tra i crimini più infami e codardi ma accusare qualcuno di tale reato, non avendo prove che sia colpevole, è altrettanto codardo e infame. Sia chiaro non ci riferiamo alle accuse della modella, che avrà modo di sostenere le proprie ragioni nelle sedi opportune, ma ci riferiamo a quanti tra: pseudo-giornalisti, anti-juventini, haters hanno attaccato CR7 come se fosse stato già ritenuto colpevole.

Utilizzare una situazione così delicata per avere qualche follower in più o per andare contro una squadra avversaria è davvero da vigliacchi. Non ci interessa parlare dei danni economici che queste persone provocano alla società o al giocatore (entrambi hanno le spalle larghe) ma diffamare una persona è reato, quindi state tutti molto attenti a fare i leoni da tastiera perchè la verità non la conoscete e si fa presto a passare da accusatori ad accusati.

Se vuoi metti un Like o Condividi su Facebook: