Adesso Basta! La Juventus deve denunciare chi cerca di infangare il nostro club

E’ giunto il momento di dire basta! Non è più tollerabile assistere ai continui attacchi di chi utilizza il nome della Juventus per ottenere popolarità o tornaconto personale. In Italia si perdona tutto, ma non si può perdonare chi è vincente da così tanti anni, allora visto che la Juve non si può battere sul campo rimane solo l’invidia e la volontà di colpire l’immagine e la storia della società bianconera.

Abbiamo accettato le ingiuste sentenze di calciopoli, in cui si è punita una società nonostante le migliaia di intercettazioni fatte dimostrassero che nessun risultato sportivo fosse stato alterato. E’ stata punita la Juventus solo perché Moggi parlava al telefono con i designatori arbitrali, si è fatto finta che i dirigenti delle altre squadre non lo facessero (nonostante intercettazioni e testimonianza dimostrassero il contrario).

In estate poiché dai giornali (e non dalla società) era stata anticipata la notizia di un possibile acquisto di Cristiano Ronaldo (che poi è effettivamente arrivato), notizia che contribuì al rialzo in borsa delle azioni Juve, era addirittura intervenuta la Consob che aveva costretto la Juventus ad emettere un comunicato stampa. Adesso che le azioni Juventus hanno subito un grandissimo danno a causa di voci (perché ad oggi non ci risulta alcun atto legale), diffuse da un giornale sul conto di un calciatore bianconero, dov’è la Consob? Chi tutela la Juventus per le ingenti perdite causate dalla diffusione di notizie senza che ci sia stata ancora nessuna sentenza? Chi risarcisce gli azionisti Juve per i miliardi andati un fumo?

Sopportiamo da tempo battutine e illazioni di giornalisti e rappresentanti di altri club che mascherano la loro impotenza (culturale e sportiva) accusando la Juventus senza alcuna prova o fatto a sostegno delle loro accusa. Adesso basta se avete delle prove tiratele fuori altrimenti chi accusa la Juventus deve essere denunciato per diffamazione e deve risarcire i danni di immagine provocati. Vediamo il giorno dopo quanti leoni da tastiera ci saranno.

Come se non bastasse la curva della Juventus chiusa per due giornate per cori (beceri e che condanniamo) ma che si sentono impunito ogni domenica in tutti gli altri stadi. Forse le altre squadre hanno una sorta di immunità solo perché non arrivano mai prime?

Inoltre dobbiamo anche sentire le accuse per la presenza di personaggi di malaffare tra gli ultras juventini, ma qualcuno dei magistrati o dei giornalisti di Report ha mai preso un treno con gli ultras di Napoli, Roma, Milan, Inter o di qualsiasi altra tifoseria?
I giornalisti di Report diranno: ma il problema non è della presenza di questi personaggi, il problema è che la società sapeva! E quindi Napoli, Roma, Milan, Inter (solo per citarne alcune) non sanno che tra i propri ultras ci sono personaggi di malaffare? Le altre società non inviano biglietti gratuiti a questi personaggi? I calciatori delle altre società non incontrano personalmente certi personaggi?
Allora se un giornalista vuole condurre un’inchiesta seria sul problema ultras e criminalità la conduce su tutto il mondo del calcio e non accusa una singolo società. Evidentemente la scelta è stata quella di colpire l’unica società che garantisce un sicuro ritorno mediatico. Altro che giornalismo d’inchiesta, a noi sembra solo elemosinare audience.

Adesso la società Juventus deve dire basta a tutto questo, deve smettere di difendersi e cominciare ad attaccare! Attaccare con denuncie e richieste di risarcimento tutti coloro che cercano di rovinare l’immagine del club bianconero!

Se vuoi metti un Like o Condividi su Facebook: