Frosinone 0 – Juventus 2: La Juve vince ma non convince.

La Juventus vince 2 a 0 a Frosinone la 5ª giornata di Serie A con i gol di Cristiano Ronaldo e Federico Bernardeschi arrivati negli ultimi 15 minuti di gara dopo un primo tempo tutt’altro che esaltante, quindi la Juve vince ma non convince.

Premesso che 6 vittorie in 6 gare (di cui una di Champions) non si possono discutere e che dietro solo il Napoli sembra essere un’avversaria temibile, la Juve vista in queste prime gare non sembra ancora all’altezza di una delle rose migliori tra le squadre d’Europa.

Come spesso accade mister Allegri preferisce iniziare le partite con un primo tempo di studio e giocandosi la vittoria nei secondi tempi. Potevamo capire (anche se non condividere) questo atteggiamento negli anni passati in cui si doveva vincere con giocatori forti ma che in Champions dovevano compensare il gap tecnico (rispetto le squadre che avevano in rosa più fuoriclasse) con una gestione della partita più tattica. Però quest’anno la Juventus non parte da seconda a nessuno e le partite vanno giocate dal primo minuto imponendo il proprio gioco.

Fino ad oggi abbiamo visto l’atteggiamento giusto solo nel primo tempo di Valencia e non possiamo accettare di vedere una Juventus così guardinga con squadre del valore tecnico del Frosinone che, nonostante tutto il nostro rispetto, non deve rappresentare un ostacolo per una squadra come la nostra. Si può perdere contro qualsiasi squadra ma se si è più forti (come lo è la Juventus quest’anno) si ha il dovere di giocare meglio degli avversari.

A nostro avviso dopo 7 scudetti di fila non ci interessa vincere l’ottavo scudetto giocando brutte partite, in campionato la Juventus deve giocare per dominare e questo atteggiamento sarà utile anche per prepararci a vincere in Champions League, competizione che storicamente premia le squadre che giocano meglio.

La partita di oggi ha mostrato alcuni limiti che devono essere superati al più presto:

  • Una squadra con una rosa come la Juve non può essere stanca dopo una partita di coppa (anche se giocata in 10 uomini) perché il valore dei “ricambi” è così alto che fornisce all’allenatore infinite alternative.
  • Il fatto che le squadre avversarie contro la Juventus giochino chiuse per ripartire in contropiede non deve essere una scusa, è naturale che sia così, è cosi per tutte le squadre forti, per questo esistono allenatori e schemi. Personalmente credo che sia più facile vincere contro una squadra che mi lasci giocare quasi tutta la partita nella sua metà campo piuttosto che con una più forte che mi attacca.
  • Dybala e Ronaldo devono essere utilizzati meglio, non ha senso vedergli saltare avversari a 50 metri dalla porta, in questo modo si perde il vantaggio di avere campioni capaci di giocate che possono essere decisive negli ultimi metri.
  • Le fasce devono essere sfruttate meglio: Cancelo, Cuadrado, Douglas Costa e Spinazzola (quando ritorneranno), Bernardeshi, Alex Sandro e lo stesso Ronaldo sono devastanti nel Uno contro Uno. Nessuna squadra al mondo ha simili alternative, eppure arrivano pochi cross e spesso quelli che arrivano sono fatti male.

Non vogliamo essere certo disfattisti o criticare inutilmente una squadra che ha fatto già 6 vittorie consecutive affrontando squadre tutt’altro che facili (Valencia, Lazio, Parma, Sassuolo). Le nostre vogliono essere solo delle critiche costruttive perché vogliamo che la Juventus diventi quello che già è, perché la nostra squadra è già la migliore del mondo, deve solo dimostrarlo e anche mister Allegri quest’anno deve fare un passo in più, deve far giocare questi ragazzi da squadra più forte del mondo.

Se vuoi metti un Like o Condividi su Facebook: