Scandaloso! Allegri multato per eccesso di buon senso.


In Italia presidenti, allenatori, dirigenti e giornalisti possono dire tutte le bestialità che vogliono: accusare senza nessuna prova, insinuare che gli arbitri sono tutti corrotti, che i calendari vengano stilati per favorire una squadra, istigare all’odio; in Italia alle persone irresponsabili e stupide tutto è permesso!

Ma se a parlare è qualcuno che fa parte dell’ambiente della Juventus allora no, se sei juventino non puoi parlare. Allegri dopo la partita con l’Atalanta ha giustamente fatto notare che:
“Si parla tanto di comportamenti, ma poi arrivano parole pesanti anche da parte di responsabili delle società. Questo non va bene, noi sappiamo che bisogna lavorare duro per vincere questo campionato, sono amareggiato e più nervoso del solito perché mi rendo conto che in Italia non si migliorerà mai.… Io sto sempre zitto, non parlo mai, ma se non siamo noi a educare i tifosi non si cambia mai. Se io parlassi ci sarebbe grande confusione, in Italia succede di tutto e di più… Se in Italia vogliamo migliorare, e mi sembra molto difficile, ci vuole eleganza ed educazione: queste cose o ce l’hai oppure è difficile comprarle. Il fatto è che dopo vengono messi in mezzo i tifosi e ci lamentiamo degli incidenti. Magari sbaglio io, ma mi dispiace veramente per il calcio italiano. Mi sembra che non ci sia voglia di migliorare questo calcio.”

Parole sagge che volevano invitare a maggiore prudenza e sportività per evitare che succedano incidenti come quelli che purtroppo si sono poi verificati a Milano prima della partita Inter – Napoli. Sinceramente non sappiamo se negli spogliatoi Allegri abbia fatto altre dichiarazioni a Noi non pervenute, ma se la multa fosse arrivata solo per le suddette frasi, riportate integralmente da tutti i media, allora sarebbe davvero scandaloso.

Una giornata davvero da dimenticare quella del 26 dicembre 2018, dove Koulibaly viene espulso solo perché rivendica i propri diritti ad essere tutelato dal razzismo e dove Allegri viene multato per aver cercato di difendere il calcio, ma quelli che hanno sulla coscienza i fatti di Milano dormiranno sonni tranquilli.

Se vuoi metti un Like o Condividi su Facebook: